Finanza Sostenibile

economy

Lo sviluppo sostenibile passa anche attraverso l’azione di responsabilità sociale d’impresa, ovvero la pratica in base alle quale agli obiettivi tipici della gestione finanziaria – ad esempio, l’ottimizzazione del rapporto tra rischio e rendimento in un dato orizzonte temporale – sono affiancate considerazioni di natura ambientale, sociale e/o di governance. D’altro canto, benché più onerose nel breve periodo rispetto ad altre opzioni d’investimento, molti studi testimoniano come questo tipo di azioni economiche spesso porti a degli ottimi risultati nel lungo periodo in termini di rendimenti. Il macrosistema quindi della responsabilità sociale d’impresa è la finanza sostenibile che si sostanzia nel creare profitto ma in modo che il capitale investito sia utile socialmente e che le azioni intraprese non superino le capacità di carico del sistema ambientale interessato dalle proprie attività. Per questo la finanzia sostenibile rientra a sua volta nella finanza etica, una scelta economica che adotta soluzioni d’investimento non tese esclusivamente al perseguimento del profitto nel breve periodo. In particolare però la finanza etica può anche riferirsi agli investimenti utili a particolari gruppi d’interesse (come i partiti politici o le confessioni religiose), per questo solo la finanza sostenibile è legata esclusivamente ai principi di sviluppo sostenibile.

DEFINIZIONE DI SVILUPPO SOSTENIBILE

“Lo sviluppo che soddisfa le necessità del presente, senza compromettere la capacità delle prossime generazioni di fare lo stesso” (UE, Commissione Brutland, 1987). Nell’ottica del Premio di Giornalismo sulla Sostenibilità Entel/Scuola di Giornalismo dell’Università Cattolica di Milano (Almed), le azioni di responsabilità sociale d’impresa poggiano sul concetto di sviluppo sostenibile, qui inteso secondo tre elementi: sostenibilità ambientale, sostenibilità sociale e finanza sostenibile.